• Studioredit

La qualità di un manuale d’uso dipende dai dettagli. Studioredit ti spiega quali





L’importanza di un buon manuale d’uso è ancora sottovalutata da molti imprenditori.

Eppure, avere il manuale d’uso dei propri macchinari non è soltanto obbligatorio per legge, ma rappresenta un presidio efficacissimo per aumentare la sicurezza e l’organizzazione, riducendo al minimo i rischi e i tempi morti dovuti alle manutenzioni.

Insomma, un buon manuale d’uso è parte integrante della macchina a cui fa capo e non può essere minimamente trascurato.

Ma, non basta essere dotati della manualistica necessaria, è molto importante che la stessa sia di qualità elevata, esattamente come deve esserlo la macchina utilizzata.

Cosa significa “di qualità elevata”? La risposta è complessa, ma possiamo sintetizzarla spiegando che errori non deve contenere un buon manuale.


La complessità eccessiva.

Se è vero che la tecnologia evoluta è caratterizzata da una elevata complessità, è altrettanto vero che un buon manuale d’uso dev’essere capace di semplificare questa complessità il più possibile. Una terminologia non iper tecnica, una sintassi semplice e scorrevole facilitano la consultazione del manuale, migliorano la sua usabilità e, con essa, sicurezza e performance aziendali.


La struttura illogica.

Capita spesso di incontrare grandi difficoltà nella consultazione di manuali complessi e corposi a causa di un errore di fondo nella strutturazione degli stessi. Se inseriamo le informazioni sulla macchina senza seguire un rigoroso schema tecnico-logico, corriamo il rischio di rendere poco usabile il manuale. Prima di redigere un manuale di istruzione occorre avere ben chiaro lo schema di funzionamento della macchina. Soltanto così è possibile dare un’armonia al manuale di istruzione.


Una scrittura poco fluida.

È un limite che assomiglia alla mancanza di capacità di semplificazione, ma attiene specificamente alla scrittura. Un piccolo errore di scrittura può rendere incomprensibile un passaggio importantissimo di una manutenzione. Basta una congiunzione sbagliata per complicare maledettamene uno schema logico. La cura della scrittura è pertanto un dettaglio non trascurabile.


Immagini poco e poco chiare.

La quantità e la qualità di immagini esplicative è fondamentale in un buon manuale. Poche immagini e molte parole rischiano di creare dubbi in chi utilizza il macchinario. Le immagini debbono essere chiare, sufficientemente grandi e ben realizzate. Immagini troppo dettagliate rischiano di rendere complessa l’interpretazione. Quelle troppo semplici perdono, il più delle volte, particolari importanti.


Queste caratteristiche sono ben chiare a Studioredit che, forte di una lunga esperienza, è in grado di fornire manuali di istruzione di alta qualità. Non lasciare nulla al caso è la cifra della nostra affidabilità. Contattaci per un preventivo gratuito e senza impegno, anche i nostri prezzi ti stupiranno.



17 views0 comments

Recent Posts

See All